Decidere di utlizzare la propria tenda per affrontare il Tour del Monte Bianco è un’opzione che va considerata a fondo: vuole dire aggiungere al peso del proprio zaino altri 7 o 8 chili almeno. Ma non è comunque da escludere a priori, anzi la tenda può concedere una libertà e un’immersione nella natura che forse i rifugi non riescono a dare, a patto di essere disposti ad affrontare le incognite atmosferiche e di sapersi “rassegnare” a dormire nei rifugi se il tempo dovesse essere particolarmente inclemente, come può accadere lungo il percorso.

Nelle cittadine più grandi, in alternativa al campeggio, e per concedersi qualche agio in più, si può anche scegliere di usufruire di uno dei numerosi alberghi presenti. Può essere questo un modo per riprendere fiato durante il TMB e divagare per qualche giorno dall’itinerario prefissato esplorando i dintorni. Su questo sito è possibile trovare l’albergo adatto a Courmayeur e comparare le offerte trovate in rete (e qui cercare piú ampiamente).

I campeggi sono tutti situati nei fondivalle, e in particolare vengono attraversati dal TMB, partendo da Courmayeur in senso antiorario, quelli situati nelle seguenti località:

Un altro posto dove è possibile piazzare la propria tenda si trova nei pressi degli Chalet de Balme.

Ulteriori campeggi si possono trovare nella Valle di Chamonix, in Val Veny e in Val Ferret, anche se non vengono toccati dal Tour del Monte Bianco.

Il campeggio libero non è permesso in nessuna delle tre nazioni attraversate, anche se una presenza discreta, limitata alle sole ore serali e notturne, e lontano dalle zone abitate, pare essere tollerata.

Campeggiare nei pressi dei rifugi, previa autorizzazione dei gestori, è solitamente consentito solo nel caso in cui il rifugio stesso fosse esaurito.

 


Commenti

campeggi — Nessun commento

    Lascia una risposta

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *